Armare s.r.l.
via Meucci, 3 - Z. I. Aussa Corno
33058 San Giorgio di Nogaro (Udine) - ITALY

Emirates Team New Zealand presenta “TE KĀHU”

Emirates Team New Zealand ha presentato la sua nuova barca da allenamento “Te Kāhu”, progettata e costruita ad Auckland. Te Kāhu è conforme alle regole imposte per gli yacht di prova in base al 36 ° protocollo della Coppa America che afferma che questi non devono superare i 12 metri di lunghezza (LOA), e sarà utilizzato dal team per continuare lo sviluppo del design per gran parte del 2020. Nel frattempo il loro AC75 “Te Aihe” verrà spedito per gli eventi dell’America’s Cup World Series in programma a Cagliari, Sardegna (23-26 aprile) e Portsmouth (4-7 giugno). Armare Ropes è fornitore ufficiale di Emirates Team New Zealand per la 36a Campagna di Coppa America.

Il momento del varo di “Te Kāhu” ad Auckland

L’amministratore delegato della squadra neozelandese, Grant Dalton, ha dichiarato: “Siamo davvero entusiasti del varo di “Te Kāhu” . C’è stato molto lavoro da fare nella progettazione e nella costruzione di questa barca, il che è tanto più sorprendente in quanto è avvenuto tutto tra la progettazione e la costruzione della nostra prima AC75 e il lavoro in corso sulla nostra prossima barca da regata AC75 “. 

Al grande pubblico potrebbe sembrare che Emirates Team New Zealand sia un pò in ritardo sul ruolino di marcia con lancio della barca di prova, considerando che le barche di prova dei Challenger hanno iniziato a andare in acqua già da settembre 2018; sempre Dalton chiarisce sull’argomento: “Potrebbe sembrare che il lancio della nostra barca di prova sia un pò in ritardo, ma all’inizio di ogni campagna devono essere prese delle decisioni che verranno giudicate solo alla fine. Come team, abbiamo deciso che una barca di prova era davvero una necessità fondamentale, ma ritenevamo che dovesse avere lo stesso input di progettazione del nostro primo AC75 per dargli significative possibilità di essere utile per lo sviluppo in corso.”

Emirates Team New Zealand’s launch ‘Te Kāhu’ test boat in Auckland

“Non c’è dubbio che ripensando ora al fatto che tutti i Challenge hanno lanciato con molto anticipo le loro barche, ed hanno anche quindi potuto acquisirne informazioni preziose e fatto un balzo in avanti con i loro sviluppi. Ma è stata una nostra decisione consapevole, di giocare alla lunga partita sapendo che i veri punti non iniziano a contare fino alla prima gara dell’America’s Cup, che è nel marzo 2021.” ha continuato Dalton.

Così mentre “Te Aihe” viene spedito nei prossimi 60 giorni da e verso l’Europa, lanciando “Te Kāhu” ora, Emirates Team New Zealand ha in programma di continuare il proprio programma di sviluppo in acqua senza interruzioni.

“Sappiamo per esperienza che lo sviluppo e i guadagni che hanno luogo nell’anno precedente la Coppa America sono di vitale importanza”, ha spiegato il responsabile del design, Dan Bernasconi. “Non potevamo permetterci di navigare in acqua solo per la manciata di settimane che saliremo su “Te Aihe” attorno agli eventi ACWS tra oggi e il suo ritorno in Nuova Zelanda.”

Il team sta quindi ora preparando “Te Aihe” per la spedizione a Cagliari in preparazione del primo evento ACWS di aprile, che sarà la prossima volta che l’AC75 salperà, e la prima volta che si schiererà per gareggiare contro gli altri AC75.

Dalton ha poi concluso: “Con “Te Kāhu” abbiamo ora una barca di prova molto utile e aderente allo sviluppo raggiunto, che ci fornirà la piattaforma per sperare di ottenere alcuni significativi guadagni nei nostri sviluppi per il 2021. Chi ha ragione nei loro piani e strategie complessivi non ne abbiamo idea. Immagino che lo scopriremo l’anno prossimo.”