Armare s.r.l.
via Meucci, 3 - Z. I. Aussa Corno
33058 San Giorgio di Nogaro (Udine) - ITALY

La regata nella regata

Ipotizziamo che una persona voglia correre in moto contro Valentino Rossi. Anche se fosse un buon pilota, anche se disponesse di un buon budget, di fatto è molto molto difficile che possa competere di fianco a lui.
La vela oceanica, come altri sport, permette ad atleti di diversi livelli e con budget estremamente differenti di competere insieme. 
Continuare a dare il massimo per mesi, ora dopo ora, in solitudine, pur sapendo non si arriverà primi assoluti, richiede un forte equilibrio mentale e una grande consapevolezza.

Ogni skipper ha i suoi obiettivi, compatibili con la condizione di partenza (livello prestazionale della barca, capacità tecnica, determinazione, ecc): alcuni competono per la vittoria, altri per arrivare entro i primi cinque, altri per arrivare. Ma tutti sono uniti da una comune vittoria: sono riusciti a partire.
 
Amo le regate oceaniche perchè sono una metafora della vita: lavoriamo, lottiamo e gioiamo anche se non potremo essere i primi assoluti (primi poi chissà secondo quale classifica??).

Fortunatamente il mare, come la vita, pensa a mescolare le carte e a riservare alcune sorprese.
Qualche volta sento: “Non ho un budget per preparare una barca per arrivare tra i primi. Sono troppo competitivo, quindi non parto!” 
Per me essere competitivi significa amare la competizione e il confronto a prescindere dal potenziale risultato. Già salire su una barca per prendere freddo e mare, oppure salire su un ring per prendere pugniin faccia, impegnarsi per resistere e guadagnare ogni centimetro è sinonimo di vittoria. Forse per questo che in tempi di crisi le persone si appassionano a sport dove gli atleti danno tutto se stessi come il football americano, il rugby o la boxe.

Fare un Vendèe Globe è un’occasione unica, sono certo che Alessandro Di Benedetto, Tanguy La Motte, Betrand de Broc e tutti gli altri stanno lottando per non rimanere indietro un miglio un più, per questo hanno tutto il mio tifo e ammirazione.

Colgo l’occasione per augurarvi buone feste e ringraziarvi ancora per i bellissimi messaggi. A presto, Sergio.